Skip to main content
x

Le discipline

Le nostre discipline

Il Lindy Hop è la forma più autentica di ballo Swing, evolutasi dal Charleston e da altre Danze Jazz negli anni 20 ed esplosa poi nella Swing Era degli anni 30 e 40. 

Si diffuse da Harlem a New York, dove nacque, attraverso tutti gli Stati Uniti, per arrivare poi in tutto il resto del mondo sotto forme diverse, e sbarcare in Europa ed in Italia dopo la Liberazione, nel 1945, dove si è poi trasformato in Boogie Woogie. 

Deve il suo nome, a quanto dice la leggenda, a Charles Lindbergh ed al suo famoso "salto" (hop) attraverso l'Atlantico a bordo del suo aereo.

In altre parti del mondo si chiama anche Jitterbug. Il Lindy Hop è molto famoso per i passi acrobatici, ma non è questo il solo aspetto di questo ballo. Puo essere ballato su tempi lenti e veloci ed è perfetto per tutte le età e per tutti i livelli di allenamento fisico.

Per definizione il Lindy Hop come qualsiasi ballo Swing si balla su musica jazz-swing, uno stile musicale popolare degli anni 30 e 40. In particolare questo vale per il Lindy Hop ed è quello che lo differenzia da altri balli successivi come il Rock'n Roll, il Rockabilly, il Jive, Il Boogie Woogie, il West Cost Swing. Questi balli vengono tutti dal Lindy Hop, ma vengono tutti ballati su altri generi musicali. Il Lindy Hop è il ballo Swing piu autentico.


I ballerini di Lindy Hop sono musicali, questo significa che ascoltano la musica e la interpretano spontaneamente con il loro ballo, sia che conoscano il brano sia che non lo abbiano mai ascoltato. Il passo base viene eseguito su 8 e 6 conti musicali.

Il Boogie Woogie è uno stile musicale blues per pianoforte diventato molto popolare negli anni '30 e '40. La locuzione inglese boogie woogie non ha una traduzione univoca. Sul suo significato si discute ancora. Forse è un soprannome ricorrente negli ambienti neri di Chicago nei primi decenni del 1900. Forse è semplicemente un suono onomatopeico che fa riferimento a qualche strumento di accompagnamento che nei primissimi albori scandiva il ritmo di questa musica, in assenza di pianoforte.

Qualche studioso ha ipotizzato come traduzione danza oscena: boogie è un termine dialettale del sud degli USA che significa osceno; woogie è un ballo tipico della popolazione nera di Anniston (Alabama). All’inizio del 1900 i pianisti neri hanno cominciato a sviluppare una forma più veloce e ritmata del blues.
Lo scopo era d’intrattenere la gente nei bar dove, alla sera, ci si divertiva e si ballava.
Questi locali si trovavano negli accampamenti dei lavoratori ad esempio nei pressi dei cantieri delle linee ferroviarie. Spesso persino sui treni c’era un pianista. 

A quei tempi questo nuovo tipo di musica fu designata con svariati nomi: fast blues, rolling blues ecc. fino alla famosa registrazione "Pinetop's Boogie Woogie", in questa composizione, che risale al 1928 Clarence Smith spiegava come ballarlo. 
Il boogie woogie tuttora cattura e strega per la sua carica vitale, sfrenata, spesso sfacciata ma assolutamente irresistibile. Può essere ballato su tempi lenti e veloci ed è perfetto per tutte le età e per tutti i livelli di allenamento fisico.
Il passo base viene eseguito su 6 conti musicali cioè 6 battiti.

Il Balboa è un ballo che viene ballato su musica Swing, nasce negli anni 20 nella penisola di Balboa sulla spiaggia di Newport. Questo ballo autentico in origine veniva ballato con una posizione chiusa mantenendo un contatto destra con destra con una postura eretta con rapidi movimenti dei piedi, questo permetteva di ballare occupando poco spazio. 
Successivamente furono introdotte molteplici variazioni tra cui giri passi calciati aperture e tanto ancora.
Il passo base viene ballato su 8 conti musicali. 
Può essere ballato su ritmi lenti, medi e veloci ma, particolarmente utilizzato sulle musiche a ritmo veloce.

Collegiate Shag è un ballo di coppia che viene ballato su musica Swing, nasce negli anni 30 e si caratterizza per i suoi passi base saltellanti.

E' un ballo dinamico e pieno d'energia ne rimarrai entusiasta!!!

Un ballo singolo dove imparerai un alfabeto di passi vintage nati a partire dagli anni '20 fino agli anni '40 che formano molte tra le più famose routine che si ballano in tutto il mondo Swing (Shim Sham, Big Apple...)

Un corso fondamentale per chi vuole acquisire cordinazione, velocità e migliorare il proprio stile anche nel ballo di coppia.

Per liscio si intende un insieme di tre balli popolari dell'Ottocento: mazurka, polka e valzer viennese.
L'impostazione della coppia è identica per tutti e tre i balli:il cavaliere tiene il busto eretto, le spalle rilassate e ben aperte, il braccio sinistro aperto, il destro a chiudere la dama in un abbraccio chiuso.
La dama terrà una postura eretta con un leggero cambré della schiena. 
Per balli da sala si intendono valzer lento, tango e foxtrot.

Il nostro corso prevede l'unione di questi 6 balli.

Con il termine "Salsa" vengono denominati vari ritmi, soprattutto caraibici, popolari nell'America latina. L'antenato della salsa è il Son cubano che combina sia influenze europee che africane.
Il modo di ballare la “Salsa”, varia di molto in base al luogo d’origine in cui si è imparata.
Ad esempio, la Salsa dei Caraibi e dei Paesi Latinoamericani si sviluppa come un paseo, che è un movimento molto circolare e lento.
In questi stili rientrano anche quello cubano, con un movimento che si abbassa più verso il suolo, e quello colombiano con un contatto più leggero. Per ballare la Salsa nella sua forma più elementare, si seguono le quattro battute della musica, ma si fanno tre passi, ognuno della stessa durata della battuta.
Il restante si può incorporare al precedente (il risultato è una conta rapido-rapido-lento) o si aggiunge un movimento di ornamento. I passi possono esser fatti muovendosi o rimanendo sul posto, un po’ come fare tre passi alla volta camminando e facendo una pausa in mezzo.
La Bachata un genere musicale le cui radici affondano nell'isola caraibica della Repubblica Dominicana e dalla quale ebbe vita il relativo ballo.
Il genere musicale chiamato "bachata" trae le sue origini dalla lenta evoluzione della musica e dei balli che venivano praticati durante gli incontri o le riunioni sociali della povera gente, dai gruppi di musicisti - anonimi - che suonando, involontariamente crearono una forma accelerata del bolero, dai testi simili ma diversi per il modo in cui venivano cantati, cioè con una tonalità di voce più nasale e con cori che accompagnavano il cantante esprimendo tristezza e amarezza. Varcando i confini della Repubblica Dominicana, con il tempo, la “bachata” vede variare non solo le sue sonorità, ma anche le movenze del suo ballo.
La tradizione infatti, vuole una danza senza figure, senza coreografie, dove il continuo dondolarsi e sfiorarsi dei corpi con amore e sensualità ispiri nei ballerini sogni proibiti.
L'Europa oggi, ne ha fatto invece un ballo ricco di figure composte, di passaggi esclusivamente coreografici tesi ad attirare il pubblico spettatore come se il ballo dei "bachateri" non fosse più il sogno erotico da assaporare ad occhi chiusi